Caserta, ecco tutti i candidati del M5S alle elezioni regionali in Campania 2020 con Valeria Ciarambino Presidente

Il mio intervento alla presentazione della nostra lista alle prossime elezioni regionali in Campania

Oggi ho il privilegio di aprire questo evento che rappresenta un momento importante per noi, perché oggi presentiamo alla provincia di Caserta la straordinaria squadra del M5S che concorrerà alle prossime elezioni regionali.

Abbiamo un obiettivo ben preciso, noi siamo decisi e determinati a liberare la Campania da chi per decenni l’ha tenuta praticamente in ostaggio. Uomini come Caldoro e De Luca rappresentano il fallimento di questa regione.

Conosco tutti i nostri candidati, li conosco da anni, ci sono i consiglieri uscenti che hanno portato avanti un lavoro durissimo in questi ultimi 5 anni, ci sono ex consiglieri comunali, ci sono attivisti di lunga data e abbiamo una candidata presidente che credo oggi rappresenti, con ns grande orgoglio, il peggior incubo per De Luca e Caldoro, Valeria Ciarambino.

Potrei darvi mille ragioni per cui il M5S deve governare la regione campania ma voglio soffermarmi su un aspetto che per me è uno dei temi principali su cui dovremo lavorare: l’ambiente.

Il problema della Terra dei Fuochi e la mancanza di bonifiche.

Ha detto bene il Ministro Sergio Costa, in Campania serve una rivoluzione ambientale e per riuscirci dobbiamo avere come presidente di Regione una persona integra, che non sperpera il danaro pubblico, che dia un accellerata alle bonifiche e che abbia come noi vogliamo la tutela ambientale come obiettivo primario e questo Presidente è Valeria Ciarambino.

E’ inutile guardate che ogni volta che vediamo una discarica, una cava, rifiuti per strada, ci rivolgiamo al Ministro perché dimenticate che la competenza in queste cose per costituzione sono in capo alla regione. Il Ministro ha competenza ad esempio per le bonifiche SIN, siti di interesse nazionale ma sapete quanti ce ne sono in campania? Uno solo, Napoli est.

E tutte le centinaia di bonifiche di cui sentiamo parlare? Sono di competenza regionale. E vi faccio subito degli esempi che seguo ormai da anni: la Cava Monti di Maddaloni, la ex area Pozzi Ginori di Calvi Risorta, ma anche la storica area di Pianura, ebbene ho provato in tutti i modi a fare pressione sulla regione, con interrogazioni, lettere, esposti, con la pressione del ministro. Niente, zero assoluto, la Regione Campania vive nel totale immobilismo. Rinvia, prende tempo, non svolge alcun ruolo propulsore sugli altri enti territoriali come comuni e province. Certo per altre cose va veloce come nel rilasciare autorizzazioni a privati per costruire mega impianti in territori già martoriati come quelli che vogliono costruire fra Sparanise e Calvi Risorta dove insiste e lo sapete tutti la più grande discarica abusiva d’Europa. O per altre cose l’attuale presidente di regione risulta soffrire di una cecità assoluta, ha assegnato al comune di Caserta ben 26 milioni di euro per costruire un mega biodigestore, con la contrarietà di cittadini, comitati ed esperti e guarda caso non monitora sul fatto che si stiano già sperperando i 2 mln che sono stati dati come anticipo in consulenze varie, ai soliti soggetti, non monitora sulla correttezza delle procedure di gara né sul rispetto del bando regionale. Io sono stanca come tutti voi di non avere un interlocutore in regione che possa ascoltare il grido di aiuto che viene dal territorio. Ieri come ultimo atto per evitare questa oscenità a Caserta ho depositato un esposto in procura per questo biodigestore. Se avessimo avuto Valeria Ciarambino come presidente di regione, non solo non le sarebbe venuto mai in mente di voler realizzare un mega-mostro di questo tipo, ma di certo avrebbe fatto l’impossibile per togliere i finanziamenti al Comune.

E allora se volete che la vostra voce sia ascoltata, se volete che i vostri figli possano costruirsi un futuro anche restando in Campania, se volete riavere il diritto a curarvi, se volete recuperare quella dignità di cittadino campano che uomini come De Luca e Caldoro vi hanno scippato, l’unica via possibile è il M5S con Valeria Ciarambino Presidente.”

Ecco i candidati del MoVimento 5 Stelle del collegio di Caserta al Consiglio Regionale della Campania, cittadini coraggiosi che vogliono mettere le proprie competenze al servizio della collettività e che affiancheranno la candidata presidente Valeria Ciarambino.

Vincenzo Viglione: ingegnere civile, consigliere e segretario uscente delle commissioni ambiente e anticamorra. Primo firmatario della legge regionale sul riutilizzo dei medicinali inutilizzati e co-estensore della legge regionale in materia di beni confiscati.

Alessandra Bove: esperta di web marketing e comunicazione, laureata in Disegno Industriale, master in Eco & Innovation Design.

Salvatore Aversano: Amministratore delegato. Esperto nel campo dell’illuminotecnica e delle energie rinnovabili.

Antonio Carby Carbisiero: Avvocato del Foro di Napoli Nord. Si occupa di diritto civile in tutte le sue forme con particolare riguardo alla contrattualistica, alla responsabilità contrattuale ed extracontrattuale, al recupero crediti e al diritto di famiglia.

Pasquale Guerriero: medico chirurgo, emergentista e radiologo in formazione. Già candidato sindaco per il M5S nel 2016 al comune di Marcianise.

Benedetta Costanzo: dirigente medico Asl, servizio gestione deleghe infortuni e malattie professionali Procura della Repubblica di Santa Maria C.V. Nel 2008 referente ASL Ce2 per la Regione Campania per gli infortuni mortali e gravi.

Eduardo Siciliano: Social Media Manager. Esperto di comunicazione politica e political advisoring.

Assunta Nardelli: laurea in scienze infermieristiche e master in Management e coordinamento delle professioni sanitarie. Da sempre impegnata in prima linea Urgenza ed Emergenza in P.S. e specializzata in Triage.

Rispondi