Cava Monti – Il CFS, tutte le generazioni hanno avuto morti per tumori (VIDEO)

Si è svolta presso la XIII commissione permanente del Senato della Repubblica, il 26 Novembre 2015 la terza audizione dell’affare assegnato n.590 che riguarda la Cava Monti di Maddaloni.

Sono intervenuti il generale comandante regionale del Corpo forestale dello Stato Sergio Costa, e l’ingegner Michele Capasso, comandante provinciale del Corpo Forestale dello Stato per la provincia di Caserta.

Il Corpo Forestale ha ricostruito in ordine temporale le vicende relative alla cava, rispettivamente alle risultanze riscontrate (rifiuti,scorie,fusti…) e alle evoluzioni della proprietà della stessa, infatti la cava ha avuto diversi proprietari, prevalentemente società.

E’ stato evidenziato che il terreno in superficie arriva ai 45/48 °C di temperatura, il che fa pensare ad un’attività nel sottosuolo non naturale. A ciò si aggiunge l’emissione di gas aggressivi, che aumentano esponenzialmente con la pioggia, segno che l’acqua provoca reazioni esotermiche non naturali.

<< elementi tecnici che suggeriscono un allarme ambientale >> ha detto il comandante Costa, che ha poi aggiunto << Tenete conto che, è un informazione di nuovo investigativa, la Masseria Monti che si trova a ridosso e abitata da persone, di tutte le generazioni di quelli che hanno abitato la, tutti quanti sono deceduti per tumore. Non so se c’è un indice di correlazione, ma è un fatto anche questo >>

La messa in sicurezza risulta fondamentale per il Corpo Forstale dello Stato, e per quanto riguarda la caratterizzazione del sito, suggeriscono di utilizzare la perizia del geometra Giovanni Balestri.

Dalle domande che abbiamo posto durante l’audizione è risultato anche che il sito è sprovvisto di recinzioni e non eistono sistemi di sorveglianza.

Invito ad ascoltare con attenzione tutta l’audizione nel video seguente.

Video Senato

Rispondi