NO al decreto Ucraina, SI alla Pace. Nessuna fiducia al Governo Draghi

Ho votato NO al decreto Ucraina del governo Draghi perché questo governo non merita la fiducia né mia né del popolo italiano. L’Italia ripudia la guerra e questo governo la sta alimentando. Mandare armi, uomini e mezzi non potrà far altro che allungare i tempi della guerra e aumentare il rischio di nuovi conflitti internazionali, mentre invece non si vede nessuno sforzo per la ricerca della Pace.

Questo decreto va in deroga ai principi dettati dalla nostra Costituzione, alle leggi nazionali e ai trattati che vietano l’esportazione di armi. Non pone limiti alle tipologie di armi e nemmeno alle quantità, da carta bianca al Governo che potrà inviare dunque qualsiasi tipo di arma.
(https://www.senato.it/service/PDF/PDFServer/BGT/01343543.pdf)

L’ordine del giorno 9/03491-A/035 approvato il 16 marzo alla Camera dei Deputati e sottoscritto anche dal M5S 2050, autorizza il Governo Draghi all’incremento delle armi fino al 2% del pil, e fa sì che questo avvenga nell’immediato.
(https://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=9/3491-A/35&ramo=C&leg=18)

Sull’ordine del giorno presentato al Senato, su cui si è tanto discusso e che è stato accolto in commissione dal Governo, c’è da dire che questo non è rilevante, in quanto chiedeva soltanto di dare seguito all’odg già approvato alla Camera dei Deputati, che di fatto ha vita propria.
Quell’odg sull’aumento delle spese in armi approvato alla Camera, è stato rafforzato dall’approvazione con il voto di fiducia da parte di tutta la maggioranza, M5S 2050 compreso.
Draghi ha chiesto ai suoi l’ennesima manifestazione di fiducia totale e loro gliel’hanno accordata, fiducia che potrebbe costarci molto ma molto cara, e sicuramente non si tratta di passi verso la Pace, come è evidente a tutti, il resto sono chiacchiere e propaganda.
(https://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Emend&leg=18&id=1344195&idoggetto=1347942)

Continuiamo come cittadini, come popolo a chiedere a gran voce SI alla Pace NO alle armi, fino a che questo governo della guerra non sparirà!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.