Alberi per il Futuro, piantati 50 lecci a Caiazzo(Caserta)

In occasione della Giornata Nazionale degli Alberi che ricorre il 21 novembre, in tantissime città italiane ieri sabato 17 e oggi domenica 18, cittadini e portavoci del M5s, hanno organizzato la piantumazione di alberi in piazze e parchi pubblici. Laddove ahimè le amministrazioni comunali non si sono resi disponibili e non hanno inteso l’importanza reale e anche sociale di questa iniziativa non ci siamo fermati e abbiamo accolto la disponibilità di privati che ci hanno messo a disposizioni i loro terreni. Come accaduto nel comune di Caiazzo, luogo dove ho partecipato insieme al collega Buompane alla piantumazione di 50 lecci.

Gli alberi svolgono un ruolo fondamentale per il contrasto all’inquinamento e ai cambiamenti climatici che come dichiarato dal Segretario Generale dell’Onu “stanno avanzando più velocemente di quanto previsto”.

Ogni albero produce ossigeno per 2,5 persone, riduce l’inquinamento acustico, assorbe CO2 e contribuisce a bloccare le polveri sottili. Non solo, gli alberi sono importantissimi per far defluire le acque piovane, quindi prevengono e contrastano il dissesto idrogeologico, ecco perché ci battiamo da anni per lasciare sempre più territorio alla natura e diciamo stop al consumo del suolo. Battaglia che abbiamo ripreso in senato incardinando in Commissione Ambiente, che presiedo, proprio questo argomento.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ma un aspetto importante è anche quello sociale, avere nelle nostre città zone dedicate al verde, parchi e giardini favoriscono la socialità, gli incontri fra persone che hanno la possibilità di tornare a sentirsi di nuovo comunità.

Ringrazio di cuore tutti coloro che hanno contribuito a organizzare questa giornata bellissima dove nonostante il freddino ci siamo riscaldati con il calore dell’amicizia e della condivisione.

Ovviamente questa bella iniziativa non poteva concludersi che con l’assaggio dei prodotti tipici del territorio: mozzarella, carne, vino, la cui bontà non sarei in grado di descriverla adeguatamente.

A chi ogni anno ci ostacola o ci critica, diciamo di stare tranquilli e che il beneficio di questi alberi arriverà anche a loro e magari un giorno ne potranno capire il valore e allora gli diremo semplicemente: meglio tardi che mai 🙂

Rispondi