Caserta, 2 campi di calcio realizzati con pneumatici riciclati. 100 tonnellate in meno negli inceneritori, questa è l’economia circolare [VIDEO]

Sono stata molto felice di aver partecipato a questa inaugurazione e ringrazio il consorzio Ecopneus per l’invito, un evento importante per la città di Caserta utile a comprendere meglio l’economia circolare.

Questi due campi sono realizzati in erba sintetica, ottenuta grazie al riciclo degli Pneumatici Fuori uso, che una volta raccolti possono trasformarsi in nuovi prodotti ed avere una nuova vita proprio come questi campi, nel bel mezzo del Rione Vanvitelli. Dunque un rifiuto speciale come gli pneumatici fuori uso, sono stati raccolti e gestiti correttamente e non sono finiti nè ad incenerimento nè in discarica, ma 100 tonnellate di gomma sottratte alla Terra dei Fuochi oggi sono due campi da calcio ad uso e consumo dei cittadini e della collettività.

Stiamo lavorando da circa 10 mesi ad una norma sull’end of waste e quindi all’economia circolare, che possa aiutare le aziende a trasformare i rifiuti in materia prima seconda da poter riutilizzare sotto forma di nuovi prodotti. Ma allo stesso tempo abbiamo il compito di individuare all’interno di questa legge anche tutte le forme di garanzia per i cittadini che possano tutelarli da quelle aziende diciamo “meno virtuose”.

Entro fine mese ed inizio agosto, il Governo assieme al Presidente Fabrizio Curcio (Protocollo di intesa per il piano d’azione per il contrasto dei roghi dei rifiuti) sta predisponendo un’azione di pulizia nei Comuni interessati dall’abbandono incontrollato dei rifiuti per le strade tra Napoli e Caserta, stanziando anche fondi in misura straordinaria. Stiamo facendo di tutto per spegnere la Terra dei Fuochi, e non molleremo fino a che non avremo centrato l’obiettivo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Se vuoi approfondire e avere più informazioni sul riciclo degli pneumatici guarda questo video

Pneumatici e riciclo, il punto sulla normativa e visita all’impianto di Teverola (Video)

Rispondi