Pneumatici e riciclo, il punto sulla normativa e visita all’impianto di Teverola (Video)

Da sempre lavoriamo a norme e provvedimenti per aiutare l’ambiente e per superare le criticità nella gestione dei rifiuti. Come sapete l’Europa ha sposato da tempo la visione corretta dell’economia circolare, dove nel caso dei rifiuti si punta a farli divenire materia prima seconda per re-immetterli nel circuito produttivo. Un prodotto dismesso per un utilizzo può si essere riciclato, ma può anche essere trattato per divenire un nuova materia che comporrà un prodotto anche differente da quello di partenza.

Questa mattina sono stata invitata da Ecopneus a visitare un impianto che si trova a Teverola(Caserta) che tratta gli pneumatici ricavandone granulato che appunto serve per realizzare nuovi prodotti. Grazie alla ricerca che è stata portata avanti dal consorzio, questo granulato ricavato dal riciclo degli pneumatici può essere reimpiegato ad esempio per la realizzazione di nuovi manti stradali, con caratteristiche più performanti.

Con le tecnologie che possediamo oggi quasi tutto è riciclabile, così stanno nascendo per fortuna questi nuovi materiali, ma quando un rifiuto diviene nuova materia c’è bisogno di una norma, una legge o un regolamento che regoli la sua applicazione. Nel caso specifico questo regolamento sull’End of Waste è atteso con ansia da consorzi e aziende, così da poter far partire nuove produzioni e nuovi mercati nel settore del riciclo. Stiamo seguendo l’iter di emanazione di questa norma che prevede il reimpiego del granulo ricavato dal riciclo degli pneumatici dalla scorsa legislatura.

A Luglio scorso sono stata al Ministero dell’Ambiente dove ho avuto un colloquio con il dirigente ed i funzionari della Direzione Rifiuti, per fare il punto della situazione su questa normativa, che ha visto ricevere delle osservazioni dall’Europa e per questo motivo non è ancora operativa. Ci stiamo e mi sto impegnando affinché i problemi in questione possano essere risolti, perché oltre ai vantaggi di cui vi ho già parlato sopra, togliamo tanto materiale che finisce ad incenerimento, nei cementifici e in discarica, ed è per noi fondamentale mettere realmente in atto un’economia circolare che funzioni davvero.

Se volete vedere come funziona questo impianto di riciclo e il prodotto che esce fuori qui trovate il video della mia visita di questa mattina :

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rispondi