Ho donato 40 PC a scuole,associazioni ed enti del casertano

Con la consegna di 18 PC fatta venerdì scorso per ri-allestire due laboratori informatici, in due plessi scolastici di Formicola e Liberi, dell’Istituto Comprensivo Formicola Pontelatone, che avevano subito lo scorso novembre il furto di tutti i computer, si conclude un piccolo progetto che ho messo in piedi tempo fa e con il quale ho donato circa 40 PC e non solo alle scuole. Vi spiego più nel dettaglio di cosa si tratta.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il Senato della Repubblica a fine 2016 decise di dismettere i PC in dotazione a tutti i senatori e agli uffici, e diede la possibilità (in modo intelligente) anziché di mandarli a smaltimento di farli acquistare dai senatori stessi, anche perchè se pur anzianotti (ma non tanto) i PC erano ottimamente funzionanti.

Nel frattempo una scuola di San Giovanni a Teduccio (un quartiere di Napoli) subì un violento furto e vennero rubati 27 PC. La loro preside con le lacrime agli occhi lanciò un appello a chiunque potesse donargli anche un solo PC o un Tablet per poter far continuare i progetti in corso ai suoi alunni.

Così decisi di comprare 40 PC per donarli a quella scuola e ad altri enti o istituti che ne avessero avuto bisogno.

Contestualmente mentre procedevo ad acquistare i PC usati del Senato seguendo tutte le procedure del caso, la scuola di Napoli ricevette per fortuna tanta solidarietà e gli furono donati altri PC da altri enti, così decisi comunque di continuare a cercare scuole o altri istituti a cui servivano.

Come sapete il riutilizzo e il riuso sono azioni molto importanti per ridurre i rifiuti e nel caso dell’hardware è ancora molto più rilevante, in quanto i componenti di un computer contengono anche metalli e sostanze che se non trattate correttamente inquinano moltissimo e oltretutto sono rare.

Abbiamo installato così su molti PC il sistema operativo LINUX (Ubuntu,Mint…) e su tutti abbiamo installato comunque software #opensource, quindi libero e gratuito, come OpenOffice o LibreOffice, un’alternativa al più famoso pacchetto Office della Microsoft, ma anche Gimp, software sempre open source per fare grafica e altri ancora.

Un’operazione del genere è comunemente detta anche #TrashWare ossia viene data una nuova vita al PC installando un sistema operativo libero e gratuito, che continua a vivere anche potendo contare su continui aggiornamenti, cosa che le aziende con Microsoft non fanno per motivi commerciali. Ad esempio su quei PC era installato Windows Vista, che come sapete da molto tempo non riceve più aggiornamenti e bisogna acquistare un nuovo sistema operativo se si vuole continuare ad usare sistemi Microsoft Windows.

Ad ogni modo la cosa più importante è che adesso quei PC sono perfettamente funzionanti e vengono utilizzati da chi ne aveva bisogno, e non sono finiti in nessuna discarica, e vivranno per molti anni ancora.

Sono molto felice di aver restituito soprattutto ai ragazzi la possibilità di poter continuare i loro progetti e i loro studi, in futuro spero di poter continuare a contribuire in modo concreto con altri progetti, aiutando sempre chi ha bisogno di un piccolo sostegno.

Ecco l’elenco a chi li ho donati :

1) n. 18 PC Istituto omnicomprensivo Formicola-Liberi-Pontelatone -15/03/2019
2) n. 2 PC – Comando Carabinieri Santa Maria Capua Vetere – 13/07/2018
3) n. 2 PC – Comando Carabinieri Orta di Atella – 13/07/2018
4) n. 2 PC – Unione Nazionale Arma Carabinieri Volontariato e Protezione Civile – 02/11/2017
5) 1 PC – Chiesa di Sant’Agostino – S. Maria C.V. (CE) – 20/10/2017
6) 8 PC – Opus Angeli di Santa Maria Capua Vetere che accoglieva ed aiutava migranti in difficoltà – 08/07/2017 poi successivamente l’Opus Angeli ha terminato le sue attività e i PC sono stati da me ripresi e consegnati:
– n. 3 alla comunità per il recupero di tossicodipendenti Associazione Le Ali di Caserta – 11/2018
– n. 5 New Hope di Caserta – associazione donne vittime di tratta, gestita da Suor Rita Giaretta – 10/11/2018
7) 3 PC – Museo Campano di Capua – 11/05/2017
8) 2 PC – Comitato Parrocchia di Sant’Agostino – 21/04/2017

Rispondi