Analisi della contraffazione nella provincia di Caserta

Oggi ho partecipato presso la Prefettura di Caserta, alla presentazione dell’indagine sul fenomeno della contraffazione nel territorio della provincia di Caserta. Il tema è molto importante e non va affatto sottovalutato in quanto come sappiamo da molto tempo, chi produce a nero ha bisogno di smaltire a nero, e questo fenomeno che vive completamente nell’illegalità si traduce in materiali di scarto abbandonati nelle nostre vie e nelle nostre campagne, che poi vengono anche dati alle fiamme, generando i roghi. Da questi presupposti si è partiti per inserire nel Protocollo di intesa per il piano d’azione per il contrasto dei roghi dei rifiuti firmato proprio a Caserta il19/11/2018, l’Azione n.11 che prevede anche la stipula di un ulteriore protocollo.

Tuttavia nel contesto della provincia di Caserta, una particolare produzione del falso non è presente. Questo è quanto emerge dall’indagine del Censis, ma piuttosto lo schema che si configura è raffigurato in questa grafica, ovvero la produzione del falso viene effettuata prevalentemente nel napoletano e la vendita al dettaglio avviene nel casertano.

Emerge dunque una forte richiesta, prevalentemente dai più giovani di prodotti low cost, di marchi famosi, che vengono rivenduti soprattutto da cittadini extracomunitari. Questa in sintesi la catena del falso che coinvolge la provincia di Caserta.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nell’ambito delle attività di prevenzione e di contrasto alla contraffazione, che saranno molte e che vedranno coinvolte le istituzioni, le imprese, e soprattutto i cittadini, il prossimo 21 Marzo a Napoli verrà siglato un Protocollo d’Intesa (previsto dal patto di novembre) con il Ministero dello Sviluppo Economico.

Per combattere efficacemente la contraffazione occorre porre in essere politiche di prevenzione e azioni di sensibilizzazione, rendere noti ai cittadini i danni derivanti dal consumo di prodotti contraffatti e sollevare l’attenzione sul grave impatto sociale, economico e fiscale del fenomeno, redditizio campo d’azione per la criminalità organizzata. Al tempo stesso è importante promuovere la valenza dell’ ”originalità”, intesa come creatività ed innovazione, quale motore del sistema economico produttivo italiano.

L’Analisi della contraffazione nella provincia di Caserta è stata distribuita ai presenti in formato cartaceo, al momento non c’è la pubblicazione digitale, ma mi hanno informata che nel giro di pochi giorni dovrebbe essere disponibile on line, la pagina da tener d’occhio è questa qui, ad ogni modo non appena verrà pubblicata, la inserirò in questo post.

Personalmente sto seguendo tutte le fasi di attuazione del Piano d’azione per il contrasto ai roghi dei rifiuti è un lavoro molto complesso, che vede numerose istituzioni impegnate e io farò tutto quello che mi sarà possibile affinchè possiamo assieme riuscire a distruggere questo maledetto fenomeno della Terra dei Fuochi, so che i roghi ci sono ancora, così come il fenomeno degli incendi agli impianti, ma è una guerra e non possiamo arrenderci.

Rispondi