Incendio Vesuvio, RULLO del M5S sulla Regione Campania, in Commissione Ambiente al Senato

Incendio Vesuvio, oggi la Regione Campania è stata audita in Commissione Ambiente al Senato ecco le domande che abbiamo posto:

Il Comandante Unità per la Tutela Forestale Gen. Ricciardi audito ieri in questa commissione, nella sua relazione a pag. 5 ha confermato che gli Enti regionali sono direttamente responsabili per le attività di antincendio boschivo, cosa che è stata anche richiesta con una diretta domanda la cui risposta inequivocabile è sempre stata la stessa: spetta a voi regione questa competenza.

Detto questo, io ho una nota del ministero dell’interno datata 5 luglio e indirizzata alle organizzazioni sindacali dei VVF dove viene comunicata la “indospinibilità” della regione alla stipula della convenzione per il coinvolgimento dei vigili del fuoco per la campagna di prevenzioni incendi anno 2017 ma che era intenzione dell’ente sottoscrivere la solita convenzione che prevede la disponibilità del personale VVF solo per le attività di spegnimento e per un periodo limitato e su richiesta della stessa regione.

Quindi le chiedo: quali sono le motivazioni per le quali la regione campania, visto il territorio altamente a rischio incendi, non ha sottoscritto questa convenzione? Non ritiene forse la prevenzione una cosa assolutamente fondamentale?

Se invece è stata stipulata significa che lo si è fatto ora, in queste ore quando invece l’incendio del vesuvio è divampato fra il 4 e il 5 luglio, non ritenete gravissima questa mancanza o eventualmente questo ritardo?

Per quale motivo la giunta non ha approvato il Piano Regionale Antincendio 2017-2019? e non mi dica che è stato emanato il decreto d’urgenza n. 33 del 4.7.2017 perché sa bene che sono cose differenti, nel piano triennale sono ricompresi i protocolli operativi di tutti gli enti coinvolti, dove viene detto chi deve fare cosa e con quali mezzi e non averlo è davvero una cosa grave. Quindi se mi può spiegare quest’altra mancanza gliene sarei grata.

Quindi senza la convenzione per la prevenzione, senza il piano triennale ci può dire la Regione quali azioni sta mettendo in atto o vorrà mettere in atto per avviare un monitoraggio delle aree più a rischio ? Sempre che ci rimanga qualche parte del territorio da monitorare visto che sta bruciando tutta la campania inclusa caserta la provincia da cui provengo?

Con riferimento poi all’inizio dell’incendio del Vesuvio, ci può dire quando sono arrivate le prime richieste di intervento? e quando sono scattati effettivamente gli interventi stessi?

Può fornirci inoltre i dati dati relativi alle risorse umane e strumentali sia della SMA Campania che della Protezione Civile regionale che sono stati impiegati? E attualmente ancora disponibili?

Inoltre vorrei capire se fra i mezzi che si stanno utilizzando in questi giorni ve ne sono di noleggiati dai privati, in base anche alle dichiarazioni di ieri dell’ ex Comandante regionale della Guardia Forestale, Vincenzo Stabile sul rischio concreto del ritorno all’ ‘industria del fuoco?

Infine da un articolo del corriere.it a firma De Simone, vengono riportate sue dichiarazioni che leggo testualmente “ nessuna terra dei fuochi, non cominciamo con questa litania” mi chiedo come fa a dichiararlo visto che la presenza di discariche all’interno del parco nazionale del Vesuvio è cosa accertata e che come per gli anni precedenti neanche la procura ha potuto escludere l’ipotesi che sia la criminalità organizzata ad appiccare gli incendi magari per distruggere gli attuali rifiuti così da avere tanto spazio per sversarne illecitamente altri? Come fa lei a fare queste dichiarazioni e non aspettare che sia l’autorità giudiziaria a verificarlo?

E le risposte? Bella domanda…consiglio di guardare tutto il video così vi renderete conto con chi abbiamo a che fare e chi amministra la nostra regione!!!!!!!

Questo è il documento che la Regione Campania ha depositato DOWNLOAD PDF

One Comment

  1. Pingback: Rifiuti, Moronese (M5S): bene Costa su coinvolgimento comuni in area vesuviana - VilmaMoronese.it

Rispondi