M5S: NO al Fascistellum (Rosatellum)! PD, Forza Italia e Lega per sempre assieme

Questa è la dichiarazione di voto contraria del M5S al Fascistellum che resterà nella storia perchè più passeranno i giorni più le nostre parole saranno verità inconfutabile, vi invito tutti ad ascoltare l’intervento del nostro capogruppo Giovanni Endrizzi

ENDRIZZI (M5S). Signor Presidente, in questi cinque anni di legislatura, se alziamo lo sguardo e ripercorriamo la storia, una cosa vediamo: la luce della democrazia resa più fioca. Su questa penombra contano i ladri che adesso cercano di staccare definitivamente i fili, disattivare i sistemi di sicurezza e impadronirsi del voto dei cittadini. Punto il dito sul Partito Democratico con la gongolante complicità di Forza Italia e Lega. (Applausi dal Gruppo M5S).
Non i loro elettori, ma questa nomenclatura di nominati, tronfi della loro maggioranza fasulla, gonfiata da una legge incostituzionale, il Porcellum. E questa arroganza l’abbiamo vista all’opera. Cose mai accadute, almeno in epoca repubblicana. Sono almeno cinque i piccoli – grandi golpe – vedeteli come vi pare a seconda della convenienza – del partito unico: il primo, in apertura di legislatura, la rielezione inusitata a Presidente della Repubblica di Giorgio Napolitano, il pilota automatico che ha garantito il vostro sistema di potere mentre fuori dal palazzo i cittadini, anche della vostra parte, invocavano il nome di Rodotà. Il secondo, nel 2015, l’imposizione di un’altra legge elettorale a colpi di fiducia, l’Italicum, anch’esso incostituzionale. Siete recidivi. È il vostro marchio di fabbrica.
L’avete concepito ad arte solo per una Camera, generando il caos: voi siete pericolosi! (Applausi dal Gruppo M5S).
Il terzo: stravolgere la Costituzione a colpi di mano, tagliole, rimozione dei senatori dalla Commissione. Vi siete risvegliati il 4 dicembre, seppelliti dai 20 milioni di voti di chi ha preferito la Costituzione di Pertini e Calamandrei a quella di Renzi, Boschi, Verdini e Alfano. (Applausi dal Gruppo M5S). Il quarto: avete razzolato voti ovunque, tra oltre 500 voltagabbana e Gruppi parlamentari escogitati ad hoc, con la parte più becera del centrodestra. Con loro avete condiviso tutte le “leggi vergogna”, coperte con nomi ingannevoli: il jobs act, che ha condannato i giovani al precariato o a emigrare, la buona scuola, che ha messo sotto ricatto i professori italiani; lo sblocca Italia, che ha regalato i nostri mari ai petrolieri; la Boccadutri, per intascarvi i finanziamenti pubblici senza controlli, la dozzina di provvedimenti salva banche, facendone pagare il prezzo a cittadini e imprese. (Applausi dal Gruppo M5S). Per contro, avete affossato la legge contro i vitalizi, per garantirvi i privilegi. (Applausi dal Gruppo M5S).
Il quinto golpe è in atto: quello che voi avete chiamato Rosatellum, per occultare la paternità di Verdini, trucca di nuovo le regole del voto, a pochi mesi dalle elezioni, per consentire a un gruppo di capibastone di nominarsi i due terzi delle prossime Camere, con otto voti di fiducia! Prima di voi, la fiducia sulla legge elettorale il Governo l’aveva posta solo due volte e la più celebre fu quella sulla legge Acerbo-Mussolini del 1923. Cari compagni del PD, vi riconoscete ancora tali? Con due fiducie su due leggi elettorali diverse, avete doppiato Mussolini. Dovreste essere incriminati per apologia del fascismo. (Applausi dal Gruppo M5S). Ma qui non c’è nemmeno ideologia: questa legge sottende un’idea della politica meramente affaristica e consociativa: viene da quella parte del PD, allora nei Democratici di sinistra (DS), che nel 2003 rivendicava, candidamente, di avere garantito a Berlusconi di non toccare il suo conflitto di interessi. È il PD che all’inizio di questa legislatura ha architettato, con malcelato entusiasmo, il Governo insieme a Berlusconi, che in questi anni, per collusione o ignavia, ha aperto furtivamente le porte alle leggi vergogna, ai compromessi sulla giustizia, quando non addirittura disattivando o insabbiando le leggi antimafia e anticorruzione, e che si è apparentato in tre Governi con emissari berlusconiani, come Alfano, Lorenzin, Lupi e Cicchitto. È lo stesso partito che oggi regala a Berlusconi – che è ancora qui, come convitato di pietra – la migliore legge elettorale possibile per lui, che produce il caos per un intero Paese, mentre lui, servito da una truppa fedele di nominati, avrà miglior agio di agire nel torbido.
In un sol colpo avete reinsediato un pluricondannato in via definitiva a capo di una forza politica (Applausi dal Gruppo M5S), gli consentite ancora la vergogna delle liste bloccate, avete progettato ammucchiate elettorali per puro interesse e previsto l’ingovernabilità più totale, per giustificare il vostro tentativo di ricostituire il “partito unico renzusconiano”. (Applausi dal Gruppo M5S).
Per ottenere questa apoteosi dell’orrore, avete piegato l’elettore: il voto apposto salta, a tradimento, da un nome a una lista, da una lista a un nome, da una lista a un’altra lista, da un collegio uninominale a uno plurinominale, da un collegio del Nord a uno del Sud e viceversa, come una pallina da flipper, o – peggio! – come una slot machine: tu pigi il bottone e credi di scegliere, ma c’è un software che decide al posto tuo e ti mangia i soldi.
ENDRIZZI (M5S). Voi mangiate il voto! (Applausi dal Gruppo M5S).
Usate questo schifo per allontanare dal voto; su questo conta Berlusconi.
Ma quale Rosatellum? Questa è la legge «bunga bunga»: un’orgia di pluricandidati, dove tutti vanno con tutti (Applausi dal Gruppo M5S), in cui l’utilizzatore finale è drammaticamente sempre lo stesso. Ma non vi vedete? Siete due bande, la stessa banda, la medesima concezione di un Paese suddito. (Commenti dal Gruppo PD). Voi, senza idee, senza programmi, ma con il medesimo progetto: mantenere le poltrone e il potere a vostro uso e consumo, per continuare a spolpare e a sfinire una Nazione allo stremo.
Avete compiuto con questa legge l’orrenda mutazione che ha trasformato destra e sinistra nelle due facce della stessa banconota. Lo vedranno tutti alla votazione finale: le luci «verdine» che si accenderanno a breve su quel display mostrano il senso di questo incrocio di interessi inconfessabili, in cui – ascoltate bene – la Lega di Salvini voterà allo stesso modo di Alfano e di Verdini, Gasparri voterà come Zanda, Scilipoti voterà come la Finocchiaro, la quale voterà come Casini, e Casini come Calderoli. (Applausi dal Gruppo M5S).
La Lega, che chiede maggiore autonomia nelle Regioni, sta contrattando il ritorno all’ovile con Berlusconi, che l’autonomia gliel’ha già bocciata nel 2008 (Applausi dal Gruppo M5S); e il Südtiroler Volkspartei, che si riempie la bocca di tutela delle minoranze, in Alto Adige aveva già pronta la legge truffa per fare diventare l’SVP il pigliatutto e prevaricare le minoranze nella sua Provincia. (Applausi dal Gruppo M5S).
LEZZI (M5S). Bravo! Bravo!
ENDRIZZI (M5S). Il nostro no, quindi, a una vergognosa riscrittura delle regole elettorali è un dovere politico e morale.
Presidente, davanti alle macerie che stanno lasciando all’Italia, il Movimento 5 Stelle assume su se stesso una missione. Una missione non di forza o di arroganza, ma di progresso, di civiltà e di verità. (Applausi dal Gruppo M5S). Il Movimento 5 Stelle presenta il primo programma di Governo costruito direttamente dai cittadini per i cittadini, che riporterà l’Italia a essere un Paese normale.
La partitocrazia (PD, Forza Italia, Lega, Alfano) si sta apparecchiando la tavola per la grande abbuffata: davvero pensate di combattere le idee con le poltrone? Non si ferma chi non si arrende mai. (Applausi dal Gruppo M5S). Sbarrando il corso di un fiume non fate che alzarne il livello; la democrazia liquida arriva al mare.
L’ultimo pensiero è per i cittadini italiani che ci guardano da fuori: dipende da voi, soltanto da voi. Aprite gli occhi, informatevi, state attenti. E alle prossime elezioni si ripeterà quello che abbiamo già visto il 4 dicembre 2016: ci dipingevano pochi e rassegnati; siamo stati 20 milioni e abbiamo stravinto. Ora, nel giorno più buio della democrazia, alziamo insieme lo sguardo e guardiamo oltre.
Italia, tornerai libera, tornerai grande! (Applausi dal Gruppo M5S. Molte congratulazioni).

Costituzionalisti contro il Rosatellum Bis [VIDEO] – Appello M5S al Capo dello Stato Sergio Mattarella

Legge elettorare truffa, il mio intervento in commissione contro il Rosatellum Bis

Rispondi