M5S: Rifiuti speciali “Vittoria per i cittadini di Frasso Telesino, l’impianto NON si farà”

Come ricorderete lo scorso 3 Agosto 2016, su segnalazione e con la collaborazione dei cittadini frassesi riuniti in Comitato, abbiamo depositato presso il Senato della Repubblica un’interrogazione sulle presunte anomalie procedurali riscontrate per la realizzazione di un impianto per il trattamento di rifiuti pericolosi e non pericolosi nel comune di Frasso Telesino in provincia di Benevento. (qui il testo)

Dopo aver acquisito e analizzato una serie di documenti amministrativi in merito all’ipotesi di apertura di un impianto per il trattamento di rifiuti pericolosi e non pericolosi su un’area di 2400 mq avevamo deciso di segnalare la questione ai Ministri competenti.
Le nostre perplessità oltre che fondate sulle anomalie riscontrate nell’iter amministrativo di assegnazione dell’area erano supportate in particolare dalla preoccupazione dell’impatto negativo che l’apertura di un impianto delle dimensioni programmate avrebbe prodotto sul territorio, considerato che l’area prescelta è ad alta valenza naturalistica e contraddistinta da corridoi ecologici di altissimo pregio, da coltivazioni fruttifere di eccellenza IGP (indicazione geografica protetta) e da allevamenti bufalini DOP (denominazione origine protetta).

Considerato la competenza regionale abbiamo quindi deciso di coinvolgere i nostri consiglieri in Regione Campania, che prontamente hanno presentato analoga interrogazione a firma Vincenzo Viglione(M5S)(scarica il PDF)

Ebbene proprio ieri (14/09/2016), presso la VII Commissione permanente del Consiglio della Regione Campania, sono stati auditi i Sindaci dei Comuni di Frasso Telesino, di Dugenta e Sant’Agata de’ Goti, e hanno avuto modo di dire la propria anche i rappresentanti del Comitato cittadino. In seguito a queste audizioni, abbiamo appreso, dalla nostra consigliera Muscarà(M5S), la notizia che l’impianto non verrà realizzato in quanto non conforme ai criteri definiti dalla legge della Regione Campania n. 14 del 26 maggio 2016 ha previsto, all’articolo 12, comma 4, che “Gli impianti per la gestione dei rifiuti non possono essere localizzati nelle aree individuate nel Piano Territoriale Regionale della Campania (PTR) come “Sistemi territoriali di Sviluppo: Dominanti” a matrice Naturalistica (Aree A); fatti salvi gli impianti di trattamento aerobico della frazione organica a servizio dei Consorzi di Comuni, nonché gli impianti di compostaggio di comunità”, come paventato nelle stesse interrogazioni citate. Appena sarà disponibile il resoconto della seduta provvederemo a pubblicarlo e a darne pubblicità.

In considerazione della bufera giudiziaria avvenuta in questi giorni nella provincia di Caserta, dove appalti ed autorizzazione vengono troppo spesso dati con troppa facilità, vuoi perché in atto un sistema criminale organizzato, vuoi perché non si vuole avere come obiettivo principale quella della tutela ambientale e la salute dei cittadini, riteniamo la notizia odierna come un segnale positivo forte e chiaro, laddove gli interessi dei cittadini sono supportati dalle istituzioni, così come fa il Movimento 5 Stelle, il risultato si può raggiungere.
Finalmente quindi una buona notizia per i cittadini di Frasso Telesino e per tutti i cittadini del beneventano che potranno serenamente godere dei pregi dell’area rurale in cui risiedono.

Benevento, il M5S: “No all’impianto di stoccaggio rifiuti a Frasso Telesino”

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/salute/16_agosto_18/ambiente-m5s-dice-no-all-impianto-stoccaggio-rifiuti-frasso-telesino-e43a6c78-654f-11e6-addc-c76dce7e53cd.shtml

Aggiornamento*** Verbale integrale seduta VII Commissione Ambiente Regione Campania – 14 Settembre 2016 – Scarica QUI il PDF

Aggiornamento*** incontro Dugenta 21 Ottobre 2016

Rispondi