Modificheremo l’art.35 dello sblocca Italia, l’ambiente prima di tutto.

Stiamo lavorando alla questione incenerimento e sblocca Italia per far si che tutto il male che hanno fatto all’ambiente e ai territori diventi solo un brutto ricordo. Forse non tutti voi sapete che nella passata legislatura ci siamo opposti, come han fatto tanti cittadini, con tutte le nostre forze anche quelle fisiche per impedire che questa scellerata legge, che faceva divenire gli impianti di incenerimento strategici, potesse passare. Io assieme ad altri colleghi venimmo sospesi per 9 giorni, dall’aula e dalle commissioni, per aver rallentato il voto di fiducia in aula al Senato e tutti i partiti ci denunciarono il giorno seguente alla Procura della Repubblica, solo perché difendemmo l’ambiente e la salute. Ora è arrivato il momento di abbattere il mostro, portare un cambiamento serio a livello nazionale: riduzione dei rifiuti, via le plastiche usa e getta, compostaggio ed economia circolare, così l’ambiente verrà prima di tutto!

Oggi ho ricevuto con piacere alcuni rappresentanti delle associazioni, con i quali ci siamo confrontati sulle cose da fare e le battaglie portate avanti sino ad oggi, anche fuori dai palazzi. Ho detto loro che sia io, sia il MoVimento 5 Stelle ed il Ministro Sergio Costa stiamo lavorando alle modifiche dello sblocca Italia (art.35 in particolare) e che contiamo di presentare presto una proposta. Mi confronterò con il Ministro anche per capire quale potrà essere la via migliore, perché le modifiche che occorreranno non saranno propriamente semplici, le implicazioni legislative sono molte e si intrecciano sia con le norme europee, che con gli interessi degli inceneritoristi, ai quali il governo precedente ha dato troppo spazio e potere, ma noi adesso ci riprenderemo tutto.

Ringrazio per il cordiale confronto :
Massimo Piras – Coordinatore nazionale Movimento Legge Rifiuti Zero per l’Economia Circolare
Paola Badessi – Presidente di Zero Waste Lazio
Ornella Pistolesi – Presidente Osservatorio rifiuti zero Aprilia LT
Carmela Auriemma – portavoce comitato Donne 29 Agosto Acerra+Associazione Salute e ambiente Venafro

Rispondi