Seminario sulla bonifica dei siti inquinati in Campania, in memoria di Franco Ortolani

Lunedì 18 febbraio a Napoli si è svolto un seminario sulle Bonifiche in Campania, organizzato dalla Società Italiana di Geologia Ambientale e dedicato alla memoria di Franco Ortolani. Al seminario hanno partecipato anche la moglie e la figlia di Franco ed è stato proiettato un suo contributo sugli eventi legati al dissesto idrogeologico e sulle bombe d’acqua, ed anche delle slide sull’inquinamento di Napoli Est. Le bonifiche sono un tema fondamentale, ma molto complesso, per cui questi incontri sono importantissimi, perché oltre a rappresentare un momento di approfondimento e di condivisione, ci danno la possibilità di conoscere gli attori e anche l’andamento delle bonifiche.

Il mio intervento è stato incentrato sugli aspetti di legalità, e sulle modifiche che ho proposto di inserire nella prossima legge che la maggioranza porterà in parlamento, il cosiddetto “collegato ambientale”. Oltre all’ampliamento delle categorie che vogliamo inserire, nelle cd. White List, c’è anche un controllo ulteriore sulle volture, per fare in modo che un’azienda colpita ad esempio da interdittiva antimafia non possa farla franca cedendo le autorizzazioni ad un’altra società ad essa collegata.
Si è discusso poi sugli interventi di bonifica in atto a Bagnoli, ma si è parlato anche di agro aversano, Pianura, Cava Monti, e in generale dei problemi legati alla Terra dei Fuochi. Il Generale Vadalà commissario straordinario per le bonifiche dei siti di discarica oggetto di infrazione europea, ha relazionato illustrando i siti di sua competenza e i punti di forza di quello che noi ormai chiamiamo metodo Vadalà, che sta dando ottimi risultati, portando a compimento le bonifiche e facendoci risparmiare tanti milioni di euro.

 

Rispondi