Cartelli criminali ed ecomafie tra Caserta e il basso Lazio, oggi [VIDEO]

Era inevitabile che la mia strada si incrociasse prima o poi con quella di Salvatore Minieri.
Lui giornalista, che nella sua ricca carriera ha dovuto e voluto occuparsi di inchieste legate alle ecomafie e io che ho dovuto e voluto scegliere di occuparmi di rifiuti e ambiente facendo parte delle istituzioni.

Ci conoscevamo a distanza ma ci siamo incontrati per la prima volta, di persona, e come poteva non essere così, nell’agosto del 2015 sulla discarica abusiva più grande d’Europa, quella della ex area pozzi ginori di Calvi Risorta e con noi quel giorno, c’era il gen. Costa che coordinava gli scavi in questa discarica per il CFS, generale che oggi, per fortuna direi, è ns ministro dell’Ambiente.

E’ da allora, le nostre strade si sono incrociate spesse volte perchè abbiamo lavorato, ognuno nel proprio ambito, a tante questioni ambientali del nostro territorio, che hanno sempre un filo conduttore: camorra – politica corrotta – disastri ambientali – traffico di rifiuti. More

Cava Cesque di Falciano del Massico a breve in Ecomafie

Nel mese di Aprile del 2015 annunciammo che la Commissione Bicamerale d’inchiesta sul ciclo illegale dei rifiuti, detta anche Ecomafie, e quella Antimafia si sarebbero occupate entrambe delle vicende relative alla Cava Cescque sita nel comune di Falciano del Massico in Provincia di Caserta. Ordina per Data Nome Allegati 24-02-2016_richiesta-aggiornamenti-comm-ecomafie-antimafia-cava-cesque (71 kB)13-9-2016_richiesta-aggiornamenti-comm-ecomafie-antimafia-cava-cesque (485 kB)