TRIVELLE, MORONESE (M5S): DA CONFINDUSTRIA SOLO TERRORISMO PSICOLOGICO

(Public Policy) – Roma, 05 feb – “A Confindustria non importa del benessere dei territori, non è un’opinione ma un dato di fatto. Come si fa a parlare di miglioramento continuo delle performance ambientali quando dall’altra parte con le trivellazioni si devastano interi territori? Confindustria dovrebbe iniziare a confrontarsi nelle piazze, con i comitati, con la gente. Così capirebbe la sofferenza di centinaia di persone che ogni giorno lottano perché vedono la propria terra, i propri mari deturpati dalle trivelle”. Lo dichiara in una nota la presidente della commissione Ambiente al Senato, Vilma Moronese (M5s) riferendosi alla posizione critica dell’Associazione di categoria sulla cosiddetta norma blocca trivelle inserita nel decreto Semplificazioni. “Noi vogliamo tutelare uno dei paesi più belli al mondo. Il passaggio alle fonti rinnovabili crea posti di lavoro e non parliamo di noccioline: 13mila posti di lavoro ogni miliardo investito in fonti rinnovabili. Farebbero bene a ripeterlo come un mantra. Non vi è nessuna politica dietro le parole di Confindustria: è solo terrorismo psicologico”, prosegue Moronese. (Public Policy) @PPolicy_News RED 051924 feb 2019

Rispondi