Moronese(M5S) richiesta incontro al Governo per dramma provincia di Caserta

Prosegue la nostra azione di denuncia sulla situazione della Provincia di Caserta, che può precipitare da un momento all’altro. Oggi 8 Febbraio 2017 sono intervenuta per chiedere al Governo di intervenire e fare un incontro con tutti gli attori interessati, anche a seguito della comunicazione ricevuta dall’ente Provincia di Caserta il 7 Febbraio, che potete leggere qui Nota Prot. 0008437 del 07022017 Provincia di Caserta paralisi operativa_comunicazione

Grazie Presidente,

intervengo nuovamente in quest’aula per parlare di scuole e della provincia di Caserta.

il 17 Gennaio scorso ho chiesto qui in aula un intervento urgente del Governo per far fronte alla situazione assurda e paradossale in cui versano le scuole casertane, che rischiano la chiusura perché la Provincia di Caserta, avendo dichiarato il dissesto finanziario non ha neanche un euro per garantire luce né tanto meno manutenzione ordinaria e straordinaria.

Ora non voglio qui farne una questione politica ribadendo la finta abolizione delle province che non ha comportato di certo né risparmio né efficienza, ma di sicuro la responsabilità del Governo Renzi nel aver avviato questa finta riforma non può ricadere sulle spalle di studenti che hanno diritto allo studio, sui genitori che vogliono la garanzia della sicurezza degli istituti scolastici né tanto meno può ricadere sugli istituti stessi che di certo non hanno la disponibilità economica per far fronte alle spese di gestione e manutenzione.

Sono stati ignorati i vari incontri fatti in provincia, ignorate le proteste degli studenti, ignorati gli atti parlamentari presentati. Ebbene ieri ho ricevuto una lettera, in qualità di Parlamentare casertana, dal Presidente della Provincia di Caserta, l’oggetto era “Paralisi operativa della Provincia di Caserta”.

Questa lettera è stata indirizzata anche al Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio, ai Ministri dell’Interno e a quello delle Finanze, agli organi amministrativi locali, regionali, e anche alle forze di Polizia, alla Procura della Repubblica, alle Scuole e trovo che sia particolarmente grave.

In questa nota, il Presidente della Provincia di Caserta, si è dichiarato pronto a consegnare le chiavi dell’ente al Prefetto, e siccome stiamo parlando di un territorio già disagiato per tanti motivi che non voglio qui ora elencare, trovo questo gesto allarmante e il Governo e quest’aula non possono non tenerne conto.

I ragazzi, i genitori e la Provincia stanno gridando aiuto prima che sia troppo tardi.

Ho presentato un emendamento al provvedimento Milleproroghe di prossima discussione in quest’aula, con il quale chiedo di far rientrare nell’esonero del pagamento del contributo annuale quelle province che hanno dichiarato il dissesto entro la data del 31.12.2015. Ma purtroppo a quest’emendanto è stato dato parere negativo dalla bilancio: chissà come mai 20 miliardi per le banche ci sono e invece le risorse non ci sono se si tratta delle nostre scuole.

E allora presidente io chiedo al Governo di convocare con urgenza un incontro con tutti i soggetti coinvolti, anche alla presenza di noi parlamentari casertani, con l’intento di trovare una soluzione a questa drammatica situazione.

L’incertezza continua in cui versa la provincia di Caserta, l’incertezza di migliaia di studenti che non sanno se potranno o meno terminare l’anno scolastico, l’attesa inerme che possa accadere una disgrazia per l’ennesimo crollo di un soffitto in qualche scuola non è accettabile per un paese civile, come non è accettabile far finta di nulla.

Presidente, confido nella sua sensibilità nell’attenzionare il Governo per la situazione che ho appena esposto. Grazie

Rispondi